martedì 19 agosto 2014

IN PUNTA DI PIEDI/ON TIPTOE


Nel mio animo si nasconde una ballerina inespressa, come ogni bambina ho sognato di diventare una ballerina di fila, tuttora lo sogno, ma ahimè non ho mai frequentato una scuola di danza.
Non sono qui a parlare dei miei sogni chiusi nel cassetto ma per parlare di un italiano sbarcato in America e del suo sogno americano realizzato, diventando il più grande creatore di scarpette da danza della storia, ovvero Capezio.
In my heart lies a ballet dancer unspoken, like every child I dreamed of becoming a dancer in a row, still the dream, but unfortunately I never went to a school dance.
I'm not here to talk about my dreams in the drawer closed but to talk about an Italian landed in America and his American dream realized, becoming the largest creator of dance shoes in history, Capezio.


Capezio è un'Azienda a conduzione familiare fondata nel 1887 da Salvatore Capezio, italiano doc nato a Muro Lucano, che aprì il suo primo negozio all'età di 17 anni ai piedi del vecchio Metropolitan Opera House a New York.
Il passaggio da ciabattino a calzolaio avvenne nel 1893, quando creò delle scarpe di fortuna per il ballerino Jean De Reszke. 
Nei primi del '900 il suo negozio divenne luogo di incontro per ballerini professionisti, e fu nel suo negozio che conobbe sua moglie, ballerina anch'essa.
Il successo avvenne quando la ballerina Anna Pavlova commissionò per lei e la sua compagnia di danza delle scarpe a punta da ballo.
Nel 1940 Salvatore Capezio morì, ma la sua eredità fu portata avanti dai suoi familiari e ben presto arrivarono grandi successi:
  • 1941: Capezio icona di moda,
  • 1949: Copertina sul patinato Vogue,
  • 1952: Capezio Dance Awards,
  • 1953: Nasce la Capezio Foundation.

Capezio is a family run business that was founded in 1887 by Salvatore Capezio, Italian doc born in Muro Lucano, which opened its first store at the age of 17 years at the foot of the old Metropolitan Opera House in New York.

The transition from cobbler to shoemaker was in 1893, when he created an emergency pair of shoes for the dancer Jean De Reszke.

In the early '900 his shop became a meeting place for professional dancers, and it was in his shop that he met his wife, also ballet dancer.
The success came when the ballet dancer Anna Pavlova commissioned pointe shoes for her and her dance company.
In 1940, Salvatore Capezio died, but his legacy was carried on by his family and soon arrived greatest hits:
  • 1941 Capezio fashion icon,
  • 1949 Vogue Cover on glossy,
  • 1952 Capezio Dance Awards,
  • 1953 Birth of the Capezio Foundation.
L'azienda Capezio offre scarpe da danza prodotte artigianalmente, secondo le esigenze dei ballerini professionisti, ma ha anche diversificato la sua produzione per uomo-donna-bambini, producendo:
  • abbigliamento, accessori, collant da danza,
  • activewear per danza, allenamento, pilates, yoga.

The company offers Capezio dance shoes made ​​by hand, according to the needs of professional dancers, but also has diversified its production per man-woman-children, resulting in: 

  • clothing, accessories, tights for dancing, 
  • activewear for dance, workout, pilates, yoga.
I prodotti Capezio sono disponibili non solo negli Stati Uniti ma anche in Europa, Sud America, Canada, Australia e Nuova Zelanda, Asia.
Per maggiori informazioni potete cliccare qui.
Per lo shop on line linea Activewear - Dance active, clicca qui.
Per lo shop on line linea Activewear - ACTV, clicca qui


Capezio products are available not only in the United States but also in Europe, South America, Canada, Australia and New Zealand, Asia.
For more information please click here.
Shop on line Activewear line - Dance active, click here.
Shop on line Activewear line - ACTV, click here.


Questo articolo l'ho creato per introdurvi questa Azienda Americana dal sapore italiano, nel prossimo articolo vi mostrerò qualche loro articolo della linea Activewear.
This article is one I created to introduce this unique Italian-American Company, in the next article I will show you some of their product line Activewear.

Chiara R.


8 commenti: